Utilizziamo i cookie sul sito per scopi commerciali, tra cui tenere traccia delle tue preferenze e raccolta di dati statistici aggregati per analizzare come viene utilizzato il nostro sito. Utilizzando questo sito l'utente accetta di memorizzare i cookie.

I principali problemi della vista: quali sono e cosa fare

Se non riesci a vedere più tanto nitido o avverti bruciore agli occhi probabilmente soffri di problemi visivi. Scopri di più leggendo l’approfondimento.

I principali problemi della vista: quali sono e cosa fare

Sono diversi i problemi che possono compromettere la qualità della nostra vista e quando ce ne imbattiamo è inevitabile che scatti in noi una certa preoccupazione perché ci rendiamo conto di quanto la vista sia fondamentale.

Spesso, quando si pensa ai disturbi visivi, si fa riferimento alla miopia, ovvero all’incapacità di vedere nitido da lontano. In realtà ci sono altri difetti visivi, come:

  • la miopia, che, come dice il nome stesso, si esprime come una difficoltà a mettere fuoco oggetti lontani, a volte a un livello grave;
  • l’ipermetropia vale a dire la difficoltà di mettere a fuoco oggetti da vicino e in caso di alta ipermetropia anche da lontano;
  • la presbiopia, la difficoltà a mettere a fuoco oggetti da vicino. Solitamente colpisce le persone a partire dai quarant’anni in su;
  • l’astigmatismo, che comporta una visione distorta sia da vicino che da lontano.

Questi sono i principali difetti della vista, che non devono però essere confusi con patologie dell’occhio, come ad esempio la cataratta, il glaucoma, il distacco della retina, il cheratocono, oppure varie malattie della cornea.

Problemi di vista: i sintomi

A volte “il vedere bene” si dà per scontato: quando, invece, si vive una situazione in cui si incomincia a non vedere più tanto nitido, o avvertire bruciore agli occhi, o ancora avere forti mal di testa causati da problemi visivi, ecco che il primo passo che si compie è fissare una visita dall’oculista.

I primi sintomi di problemi alla vista sono riconoscibili dal paziente stesso:

  • dolore agli occhi (escludendo quello causato da un trauma, ad esempio provocato da una caduta o da uno strumento/corpo esterno che è entrato nell’occhio);
  • bruciore, arrossamento e lacrimazione. Se da un lato queste sono palesi manifestazioni di infezioni batteriche o allergie, potrebbero rappresentare anche la spia di problematiche visive più importanti;
  • “il vederci doppio”;
  • la tendenza a stringere gli occhi quando non si vede bene e in modo nitido, avvertendo qualcosa di diverso.

Disturbi visivi improvvisi e temporanei

Possono capitare disturbi temporanei, quindi che durano solo per un lasso di tempo predefinito, e improvvisi senza quindi la presenza di sintomi o altre manifestazioni che possano funzionare da campanello d’allarme.

Un esempio è il classico annebbiamento della vista. Anche se si tratta di una situazione temporanea, non va sottovalutata, perché potrebbe causare eventuali problemi molto seri.

Le cause più frequenti dei problemi di vista

Solo un’accurata visita medico specialistica da un oculista è in grado di definire le vere cause dei problemi visivi di una persona, ma, in linea generale, possiamo affermare che spesso le problematiche più comuni sono correlate a:

  • genetica, fattori ereditari: se entrambi i genitori sono miopi, ad esempio, è facile che anche il figlio sviluppi una qualche forma di miopia nel corso degli anni.
  • stress: un elevato livello di stress va a intaccare svariati organi del corpo, come la testa, lo stomaco e così via, e ovviamente anche la vista. Basti pensare che a volte i tic nervosi dell’occhio sono da imputare proprio ad uno stress eccessivo e tendono poi a diminuire o scomparire non appena lo stress cala.

Consigli e rimedi per contrastare i problemi alla vista

  1. Effettuare visite oculistiche di controllo, almeno una volta all’anno, se non ci sono patologie o problematiche in corso;
  2. Osservare attentamente ogni segnale che il corpo invia: se ad esempio il bruciore agli occhi è durato solo qualche ora e può essere imputabile a un corpo estraneo e probabilmente con un collirio suggerito dal farmacista, la situazione si risolve nel giro di pochi giorni. Se invece il bruciore o altri sintomi persistono, è fondamentale il controllo oculistico;
  3. Indossare occhiali giusti per contrastare i disturbi visivi: a seconda delle proprie esigenze, esistono lenti monofocali, lenti progressive, lenti fotocromatiche e molte altre. Hoya, azienda giapponese all’avanguardia, ha sviluppato una serie di lenti per soddisfare ogni necessità, sia dal punto di vista medico sia dal punto di vista estetico, ponendo grande attenzione alla qualità delle lenti, con materiali di diversi indici di refrazione.

Non perderti i dettagli

Ricevi consigli e informazioni sulle lenti direttamente per email.